home > Sostenibilità Sociale > Le nostre risorse umane

Le nostre risorse umane

Al 31/12/2020 i dipendenti delle aziende del Comparto sono pari a 2.220 unità: il dato è lievemente in aumento con 8 unità in più rispetto al 2019; tale incremento, seppure molto contenuto (0,4%), è certamente positivo considerando quanto la gestione della Pandemia abbia influito molto nell’operatività complessiva dell’esercizio 2020.

A questi si aggiungono ulteriori 89 collaboratori, per un totale organico pari a 2.309 persone (oltre il 90% dei quali sono assunti a tempo indeterminato).

 

Complessivamente, a fronte di 276 nuovi dipendenti assunti sono cessati 245 contratti. Si noti che quest’ultimo dato comprende anche le cessazioni per pensionamento e quelle per uscita anticipata dal lavoro che riguardano complessivamente il 7% del personale che ha lasciato le aziende del Comparto.

 

L’elevato numero di assunzioni e cessazioni annue sono dovute alla specificità dei lavori dell’azienda Termisol, che presentano punte di intensa attività produttiva in luoghi sempre diversi nel territorio nazionale Al fine di sopperire a queste importanti punte di attività produttiva vengono effettuate molte assunzioni a tempo determinato nelle unità operative di svolgimento dei lavori stessi con durate determinate (46% del personale).

 

 

Per considerare l’impatto occupazionale diretto, le aziende monitorano anche il numero medio di dipendenti delle imprese terze che operano all’interno degli stabilimenti (per attività di manutenzione, impianti, pulizia, vigilanza, movimentazione merci e mensa): il loro numero per il 2020 è stimato in circa 1.345 dipendenti. (FTE – Full-Time Equivalent).

A questi dati, andrebbe sommato anche il numero di lavoratori impiegati in altre aziende del territorio e che riforniscono di beni e servizi il Comparto: l’indotto occupazionale sul territorio risulterebbe, in questo caso, ancora superiore.

Oltre al personale dipendente, anche nel corso del 2020, è stato fatto limitato ricorso a forme flessibili di collaborazione (complessivamente 82 lavoratori) attraverso l’impiego di contratti di somministrazione lavoro o contratti a progetto.

Nel corso del 2020 alcune aziende del Comparto hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali a sostegno dei propri lavoratori per cause legate alla pandemia da Covid19: in particolare sono state richieste più di 150.000 ore di cassa integrazione e simili.

Il 52% dei dipendenti ha un’età compresa tra i 30 e i 50 anni, mentre il 36% supera i 50 anni di età; i giovani con meno di 30 anni rappresentano il 12% del totale della forza lavoro per un totale pari a 237 dipendenti.

L’anzianità aziendale è elevata a conferma della tenuta occupazionale del Comparto: il 59% dei dipendenti, infatti, è presente in azienda da più di 10 anni, il 12% da un periodo compreso tra 6 e 10 anni. Il 18% lavora nel Comparto da 2 a 5 anni, mentre coloro che hanno meno di un anno di anzianità sono l’11% del totale.